Snals Emilia Romagna Sede Regionale Snals Emilia Romagna
Sede Regionale SNALS
 
   oggi è Giovedì 19 Luglio 2018, 15:18, ci sono 64 utenti connessi
Visitatori: 1598875   
 
 
 Home
 News nazionali
 News regionali
 L'opinione del Segretario Regionale
 Organi statutari regionali
 Convocazioni degli organi statutari
 Orari di consulenza
 Link utili
 Contatti
 Le notizie dalle Province
 Segreteria regionale Confsal
 Login
News del 10/07/2018

Titolo: Istruzione e formazione professionale

     L’ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE: LE REGIONI ED IL MIUR DEVONO DARE RISPOSTE

Trascriviamo di seguito la nota inviata al MIUR in data odierna:

 

 

 

 

 

 

Roma, 10 luglio 2018

Prot. 238 -Segr/ES/Istruzione e Formazioneprofessionale

 

 

Al Direttore Generale per il personale scolastico

Dott.ssa Maria Maddalena NOVELLI

MIUR

 

Oggetto: istruzione e formazione professionale – Linee guida regionali e rapporto alunni/classe negli istituti professionali.

 

 

Con l’entrata in vigore del D.L.vo 13 aprile 2017, n. 61 (revisione dei percorsi dell’istruzione professionale), gli indirizzi / articolazioni /opzioni dell’art. 3 comma 1 del D.P.R. 87/2010, a decorrere dall’a.s. 2018/2019 a partire dalle classi prime, confluiscono nei nuovi indirizzi di studio ai sensi dell’allegato C art. 3 c. 1 del suddetto D.L.vo 61/2017.

Lo SNALS chiede a codesta Direzione di promuovere ogni utile azione, anche nell’ambito degli accordi tra UUSSRR e Regioni, affinché nelle linee guida regionali per l’iefp sia prevista la confluenza delle attuali articolazioni e opzioni nei nuovi indirizzi di studio. In mancanza di tale previsione ci saranno, tra l’altro, notevoli ripercussioni nel sistema dei passaggi tra i percorsi di studio realizzati in regime complementare e quelli in regime integrativo. Le linee guida dovrebbero pertanto prevedere l’istituzione di commissioni d’ambito attraverso le quali determinare la tabella di confluenza degli attuali percorsi in quelli dei nuovi indirizzi di studio del citato decreto.

Con il citato decreto poi, a partire dalle classi prime degli istituti professionali, le ore dedicate alle attività di laboratorio vengono raddoppiate (da 3 a 6 ore settimanali su 32). Il decreto, inoltre, prevede che gli insegnamenti di materie teoriche utilizzino metodologie didattiche rivolte alle applicazioni pratiche. Per tale scopo, sono state assegnate ad ogni classe sei ore settimanali di docenza tecnico pratica abbinate ad alcune materie teoriche.

Tale inversione di tendenza rispetto al passato sollecita finalmente i percorsi professionali ad adottare una didattica laboratoriale ma fa emergere tutte le criticità riconducibili ai mancati investimenti nell’innovazione dei laboratori, oggi insufficienti, obsoleti e con strumenti ed attrezzature non più a norma. È evidente che tali condizioni unite a classi con elevato numero di alunni, aumenta enormemente il livello di rischio per la sicurezza e l’incolumità di alunni e personale.

Occorre, con urgenza, una deroga all’attuale rapporto alunni classe (almeno per le classi prime dove si ha a che fare con ragazzini inesperti) prevista dalle norme attuali, in attesa che siano rinnovati i laboratori degli istituti Tecnici e, in particolare, quelli degli istituti Professionali.

Lo SNALS chiede a codesta Direzione di farsi interprete di tale esigenza nell’ambito delle procedure per il consolidamento dell’organico di fatto ed in quelle interministeriali per la determinazione degli organici per l’a.s. 2019/2020.

Cordiali saluti.

 

Il Segretario Generale


 
Inizio pagina Torna indietro
 
© 2010 SNALS Sede Regionale Emilia Romagna- Tutti i diritti sono riservati.
La sede regionale dello SNALS non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto
Ottimizzato per Microsoft Internet Explorer 5.5 (800 x 600) - Webmaster