Snals Emilia Romagna Sede Regionale Snals Emilia Romagna
Sede Regionale SNALS
 
   oggi è Martedì 31 Marzo 2020, 14:06, ci sono 333 utenti connessi
Visitatori: 1740045   
 
 
 Home
 News nazionali
 News regionali
 L'opinione del Segretario Regionale
 Organi statutari regionali
 Convocazioni degli organi statutari
 Orari di consulenza
 Link utili
 Contatti
 Le notizie dalle Province
 Segreteria regionale Confsal
 Login
News regionale del 14/10/2010

Titolo: Dirigenti scolastici

 INCONTRO ALL'USR    DEL  14 ottobre 2010
 
 Per i Segretari Provinciali
 
In mattinata si è tenuto , presso l’USR, un incontro relativo ai seguenti problemi dei Dirigenti scolastici.
 
1-Contratto integrativo regionale dei dirigenti scolastici, attribuzione fondi regionali per il pagamento arretrati della retribuzione di risultato, quadriennio 2006-09 e nuovi criteri generali per l’attribuzione delle fasce correlate alle retribuzioni di posizione parte variabile.
 
2-Contratto integrativo regionale dei dirigenti scolastici relativo al solo anno 2010
 
3-Contratto integrativo regionale dei dirigenti scolastici relativo alla formazione
 
4-varie ed eventuali.
 
 
Erano presenti, oltre ai rappresentanti delle OOSS ( ad eccezione della UIL) anche il direttore generale dott. Limina, l’isp Benini ( che andrà il pensione  con decorrenza prossimo novembre) ed il dott Fanti ( pure in pensione dal prossimo novembre) oltre che l’isp Cerini.
 
1-Il primo problema affrontato è stato quello  degli arretrati relativi al quadriennio 07/10 per l’indennità di risultato. La bozza di Contratto che trovate in allegato , così come le tabelle, è pressoché definitiva e sarà siglata nel corso del prossimo incontro a metà novembre.
Come potete vedere si tratta di quote estremamente modeste ( guardate l’ultima colonna a dx dei 4 allegati ove  è computato l’importo individuale mensile). Mediamente, a seconda delle fasce di appartenenza, poco più di 1000 euri complessivi lordi, in pratica circa 500 euri per tutti e 4 gli anni di riferimento.
Proprio per questo abbiamo chiesto che si paghino immediatamente dopo la firma del Contratto regionale e la conferma ministeriale delle cifre ivi riportate.
L’unico momento di discussione si è avuto quando  l’Amministrazione ha proposto di stornare circa 11000 euri dall’anno 2009 per cercare di pagare l’indennità kilometrica per le reggenze: indennità kilometrica che , come sapete, è stata abolita dalla L 122 (Finanziaria estiva).
Ho mostrato , unitamente alla CGIL, una qualche perplessità perché non capivo come , giuridicamente, si potesse condurre in porto una tale soluzione  che , per altro, avrebbe comportato  la diminuzione, per altro modesta, degli arretrati agli aventi diritto.
Ciò senza avanzare alcuna pregiudiziale ma solo al fine di approfondire il problema. Dopo ampia discussione si è convenuto di soprassedere per cui quegli 11000 euri che erano stati tolti dalla tabella del 2009 vi saranno reinseriti. Quindi la tabella del 2009 è la sola che subirà modifiche.
Ho approfittato della discussione sulle Reggenze per consegnare a Limina, il testo di una Circolare sui criteri per attribuire le reggenze che l’Ufficio aveva diramato nel 2006 e che a me pare molto più garantista rispetto a quella attuale. Penso che Limina ci rifletterà sopra e mi auguro che si possa ritornare ai criteri di quella volta che , fra l’altro, prescrivevano le necessità della domanda individuale e  il principio della rotazione.
 
2-Si è poi passati a parlare dell’indennità di posizione , parte variabile, e dell’indennità di risultato  a partire dal corrente anno scolastico. Come sapete è stata  risolta una volta per tutte la questione dell’incapienza dei fondi regionali in quanto  ora si ragiona sulle quote posti e non sulle quote dirigenti in servizio.
Abbiamo ottenuto il pagamento sullo stipendio del 100% dell’indennità di posizione parte variabile. Abbiamo chiesto al medesima cosa per l’indennità di risultato. L’Amministrazione si è detta disponibile a pagare , invece solo il 50% sul cedolino dello stipendio ed il rimanente a conguaglio  a fine anno scolastico. Vedremo se  riusciremo a spuntare qualcosa di più. A conguaglio saranno pagati anche i resti dell’indennità di posizione parte variabile derivante dal risparmio del 20% che si ottiene sulle quote riferite alle scuole date in reggenza.
Si è poi cominciato a discutere di fasce. I criteri per i punteggi  ora in vigore verranno modificati in quanto si inseriranno, come elementi di complessità, i CTP, le aziende agrarie e l’areonautico. D’altra parte avete compilato, nei giorni scorsi, una scheda inviatavi dagli UAT in cui avete dato notizia della complessità della vostra scuola. Limina ha lamentato che 22 scuole non hanno ancora risposto: può essere che Lui stesso, in prima persona, faccia una telefonata a queste scuole inadempienti.
Sulle fasce si era raggiunto un accordo che le diminuiva a tre. Oggi l’ANP ed anche la CGIL sono tornate indietro ed hanno riproposto 4 fasce confermando, però, la disponibilità a comprimere il divario economico fra le stesse. Si potrebbe andare verso una mediazione che comporterebbe l’inserimento, in 4° fascia, unicamente di quelle scuole sottodimensionate e che, per legge, dovrebbero essere soppresse. In altri termini le fasce sarebbero di fatto 3 più una provvisoria ed ad esaurimento in attesa  della “razionalizzazione” di quelle scuole che non hanno i numeri per “vivere”.
Vedremo gli sviluppi nell’incontro di novembre.
 
3- In ultimo, con l’intervento dell’isp. Cerini, si è parlato di contratto sulla formazione.
Anche per l’anno scol appena concluso, le cifre disponibili sono esigue: 22000euri.
La metà andra all’autoformazione e l’altra metà ad iniziative centrali che riguarderanno la riforma del 2° ciclo, i problemi di comunicazione e gestione delle risorse umane e la Sicurezza per cui saranno chiamate, ad un seminario, tutte le,scuole , e non sono poche, in cui sono aperti cantieri di ristrutturazione edilizia.
Alcuni colleghi hanno osservato che non sono stati ancora pagati i 100 euri dell’autoformazione svolta nell’anno scolastico appena concluso. Limina si è detto stupito in quanto l’USR ha dato, nel giugno scorso, le disposizioni per il pagamento. E, allora, se non siete stati ancora pagati andate a protestare presso il vostro UAT. Per il prossimo anno si ripeterà la stessa strada per cui  siete invitati a presentare proposte per l’autoformazione entro, presumibilmente, il 30 gennaio prossimo. E’ evidente che il termine  diventerà Ufficiale con la stipula del Cir  a metà novembre.
Ho risollevato il problema del protocollo delle nomine a direttore dei corsi che lo Snals non aveva firmato perché troppo incentrato sull’Amministrazione. Come è noto, ora, la formazione è stata contrattualizzata per cui non è concepibile, a mio avviso, che l’Amministrazione decida le nomine unilateralmente senza un preciso avvallo dei rappresentanti dei lavoratori che dovranno essere chiamati a formulare criteri precisi e vincolanti.
Ho avuto rassicurazione che, a novembre, si parlerà anche di questo.
 
E’ tutto.
 
Saluti
 
Il Segretario regioanle
Gianfranco Samorì

 
Inizio pagina Torna indietro
 
© 2010 SNALS Sede Regionale Emilia Romagna- Tutti i diritti sono riservati.
La sede regionale dello SNALS non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto
Ottimizzato per Microsoft Internet Explorer 5.5 (800 x 600) - Webmaster